Home   >   Risorse turistiche
Data
Date
Date
Angolo_l_chiaro
Angolo_r_chiaro

Elementi correlati

CASTELLEONE_CASCINA STELLA

Evento: APERTURA DEL BOSCO DIDATTICO CASCINA STELLA E DELL' ECOMUSEO DEL PAESAGGIO PADANO
L'area di 25 ettari di estensione è stata ... >>>

Santuario S. Maria della Croce

Approfondimento: FESTE DI DEVOZIONE POPOLARE E PRESEPI
Fede e feste popolari, dove la devozione si unisce al ... >>>

Alloggio: La Corte
Via Colombare, 16 >>>

CR_Territorio

Itinerario: La provincia di Cremona
Terra fertile e generosa, la provincia di Cremona offre, a ... >>>

Angolo_l_chiaroAngolo_r_chiaro

Territorio

Image_02

Un viaggio racchiude in sè una miriade di immagini di emozioni di odori e di sapori indimenticabili.

Angolo_l_chiaroAngolo_r_chiaro

Comunica con noi


tel. 0372 406391
Angolo_l_chiaroAngolo_r_chiaro
HTML 4.01 Strict Valido!   CSS Valido!   Logo attestante il superamento, ai sensi della Legge n. 4-2004, della verifica tecnica di accessibilita'.

SANTUARIO "BEATA VERGINE DELLA MISERICORDIA"

Santuario Madonna della Misericordia Castelleone
Tipologia: Santuario

Il santuario fu officiato nel 1516, ma completato solo nel 1525 con tiburio, campanile e piccola sacrestia. Il monumento fu costruito su disegno di Agostino de Fonduti (cremasco, collaboratore del Bramante a Milano) e venne ultimato con i contributi e le offerte della Comunità, oltre che per un voto espresso dai castelleonesi durante un furioso assedio.
Nel Santuario fu ospitata una statua della Madonna, scolpita dal cremonese Giovanni Paolo Maltempo nel 1560, rovinata poi nel panneggio a causa di un rivestimento allora in voga.
E questo è da imputare ai Frati Agostiniani che dal 1617 furono custodi del Santuario, nell'annesso Convento costrito dal 1619 con relativo chiostro, oggi ancora visibile nel restante residuo di due dei quattro fronti originali.
Il convento poi passò all'Erario in seguito alla soppressione degli ordini religiosi voluta dall'imperatore d'Austria Giuseppe II nel 1780.    
Diverse sono le vicende legate alla costruzione del Santuario: prima - verso la metà del Cinquecento - gli affreschi di Cristo e degli Apostoli del tamburo, dopo - verso la fine del Cinquecento - le varie storie della vita di Cristo, opera del castelleonese G.Battista Dordoni, il quale aveva affrescato le due cappelle e il prebiterio. Ora vi sono solo due frammenti come ancone laterali degli altari, coperti dal Settecento fino al 1965 da tele ad olio e da una Crocefissione di G.Paolo Pesenti.
La chiesa, a croce latina, era stata concepita a due campate, e il transetto costituito da due cappelle laterali, simile in parte alle chiese a pianta centrale, con alto tiburio sotto il quale avrebbe dovuto essere collocata la statua della Vergine sopra l'altare.
Nel 1910 il Santuario fu allungato di una campata, che oggi si può riconoscere visibilmente dalla diversità della costruzione.
Dopo vari interventi eseguiti negli anni 1936-1937, con ritocchi all'altare, al catino absidale e al paramento marmoreo delle pareti, nel 1989, allungando il pavimento verso la navata, si ebbe l'occasione di alloggiare una nuova mensa, il nuovo ambone e la croce in bronzo di M. Zurla.
L'attuale restituzione al disegno originale, architettonico e decorativo, risale all'epoca 1964-1965, quando per merito dell'architetto Amos Edallo fu smantellato il sovrastante edificio neoclassico che nel 1838 aveva chiuso le nicchie del tamburo, danneggiando i costoloni della cupola, e ricoperto d'intonaco le terrecotte e i dipinti, sovrapponendo stucchevoli medaglioni ottocenteschi e false terrecotte.
Nel Santuario è custodito anche un organo storico, del 1836, opera del Serassi.



Indirizzo: Viale Santuario - CASTELLEONE - Cremona
Telefono: 0374 58118
E-mail: parrocc.castelleone@libero.it
Orario:

Orari di visita:
tutti i giorni 8.00 - 12.00; 15.00 - 18.30.
Domenica durante le Celebrazioni non sono consentite visite turistiche.



Listino prezzi:

ingresso libero


Itinerari religiosi nelle Diocesi di Cremona e di Crema
    LUOGHI E PERCORSI TRA ARTE E FEDE NELLE PROVINCE DI PAVIA, LODI, CREMONA E MANTOVA

    CHIESA DI S. OMOBONO
L’antica chiesa di S. Egidio è ricordata come il luogo della morte avvenuta il 13 novembre 1197 e della prima sepoltura di Omobono Tucenghi, iscritto nel catalogo dei Santi nel 1199 dal Papa Innocenzo III, patrono della città e della Diocesi di Cremona.
    CHIESA DI S. ABBONDIO
L’attuale chiesa dei SS Nazario e Celso in S. Abbondio viene edificata nel secolo XVI, ma notizie di un precedente edificio risalgono al secolo X.
    SANTUARIO B.V. DEI CAMPI
Ubicato a circa un Km dal centro abitato è segno della devozione della popolazione verso la Madonna, come attesta la tradizione locale, invocata per la liberazione da guerre e pestilenze.
    SANTUARIO BEATA VERGINE DEL ROGGIONE
Il Santuario sorge sul luogo dove nel sec, XVII Pietro Grazzani, persona assai devota, fece erigere su di un proprio terreno, attraversato da un roggia, un piastrello con un dipinto che raffigurava la vergine con S. Pietro e S. Bernardino.
    SANTUARIO B.V. DELLA MISERICORDIA
Il Santuario della Madonna della Misericordia, a circa 1 km dal centro di Castelleone, sorge sul luogo dove l’11 maggio 1511 e nei tre giorni successivi, la Madonna apparve a Domenica Zanenga, una povera contadina locale
    SANTUARIO SANTA MARIA MADRE DELLA PAROLA DIVINA
Il Santuario edificato nel 1712 lungo il canale Delmona che costeggia l’antica via Postumia
    SANTUARIO DELLA MADONNA DELLA FIDUCIA
Il Santuario viene edificato tra il 1955 e il 1957 con funzioni di chiesa parrocchiale di Isola Pescaroli, lungo le rive del fiume Po,
    SANTUARIO B.V. DELLA FONTANA
Il Santuario sorge nel 1471 sul luogo dove esisteva un’immagine mariana dipinta su di un muro, alla cui base sgorgava una sorgente d’acqua, ritenuta miracolosa (loc. Casalmaggiore)
    SANTUARIO MADONNA DELLE GRAZIE
Il Santuario sorto nel sec XVI a circa 2 Km dal centro di Sabbioneta, lungo l’antica strada per Casalmaggiore, attesta la tradizione locale di un dipinto della BV Maria ritenuto miracoloso.
    SANTUARIO DELLA BEATA VERGINE AL BINENGO
Il santuario sorge sulle rive del Serio nei pressi di Sergnano su un alto terrapieno. Della località, di origine longobarda, si parla fin dal 1022.
    SANTA MARIA IN CANTUELLO AL CIMITERO
La località è di antichissima origine (è stato rinvenuto un sepolcreto di età romana). Il titolo di Santa Maria farebbe risalire ai secoli V-VII d.C., la fondazione di una chiesa in questo luogo.
    BEATA VERGINE DEI PRATI
Oasi di verde nel pressi di Moscazzano, il santuario della Madonna dei prati, del secolo XIV, è stato dedicato dal vescovo di Crema mons. Oscar Cantoni alla preghiera per la famiglia.
    SANTUARIO MARIANO LA MADONNA DEL POZZO
La Chiesa della Madonna del Pozzo iniziata alla fine del XVII secolo, venne conclusa e decorata nel 1755.
    SANTUARIO DELLA MADONNA DEL ROSARIO
Il Santuario sorge nei pressi del ponte sul Serio (sponda sinistra). È un piccolo gioiello del 1611-18.
    SANTUARIO MARIANO LA MADONNA DELLE ASSI
Situato tra Monte Cremasco e Palazzo Pignano, a ridosso del canale Vacchelli, ricorda la miracolosa apparizione della Madonna nella prima metà del XIV secolo.
    SANTUARIO MARIANO LA MADONNA DELLE FONTANE
Il moderno santuario sorge sopra un fontanile, appena al di fuori del paese di Casaletto Ceredano, sulla strada che degrada verso l’Adda.
    SANTUARIO MADONNA DELLE GRAZIE
La chiesa della Madonna delle Grazie è il secondo santuario mariano di Crema. Venne costruito dal 1601 al 1611 per custodirvi un’immagine della Vergine, venerata fin dagli inizi del ‘500 in un'edicola addossata al vicino torrione.
    SANTUARIO DELLA BEATA VERGINE MARIA AL MARZALE
Il santuario sorge su un terrazzo naturale del Fiume Serio. Scavi archeologici hanno confermato la presenza di una necropoli tardoromana del III-IV secolo d.C. e di una longobarda altomedioevale.
    SANTUARIO DELLA BEATA VERGINE DELLA PALLAVICINA
Il santuario, di recente restaurato, prende il nome dalla roggia Pallavicina che gli scorre vicina. È stato fondato a seguito dell’apparizione della Madonna a una ragazza avvenuta tra il 13 e il 14 maggio di un anno compreso fra il 1250 e il 1360.
    SANTUARIO DELLA MADONNA DEL PILASTRELLO
Un pilastro con l’Immagine della Vergine a un chilometro circa dalla porta Ombriano della città di Crema, sulla strada che porta a Lodi, esisteva già dal 1294. Il santuario venne costruito circa un secolo dopo.
    SANTUARIO MARIANO SANTA MARIA DELLA STELLA
L’oratorio di Santa Maria Stella, in via Civerchi a Crema, inglobato nel palazzo Benzoni (1627), porta il nome di una più antica chiesa che era collegata a un ospizio per bambini esposti e trovatelli.
    BASILICA DI SANTA MARIA DELLA CROCE
In loco esisteva un bosco, dove Caterina degli Uberti venne ferita a morte dal marito nel 1490. Invocata la Madonna per non morire senza i sacramenti, Caterina venne esaudita. A seguito di miracoli avvenuti, fu eretto dalla città il Santuario.
    CHIESA SAN SIGISMONDO
La chiesa di S. Sigismondo, scrigno d’arte cremonese del ‘500, edificata per volere di Bianca Maria Visconti, sorge sul luogo di una preesistente piccola cappella dedicata al santo ; dal 2010 è presente la comunità claustrale delle monache domenicane.

Informazioni

Tipologia: Santuario
 
 
Indirizzo: Viale Santuario
Telefono: 0374 58118
Città: CASTELLEONE - Cremona
 

Mappa

Angolo_l_chiaroAngolo_r_chiaro