Home   >   Risorse turistiche
Data
Date
Date
Angolo_l_chiaro
Angolo_r_chiaro

Elementi correlati

TEATRO SAN DOMENICO_ESTERNO

Evento: TEATRO SAN DOMENICO - "DORIAN GRAY"
Liberamente tratto dal romanzo di Oscar Wilde - Teatro San ... >>>

Gastronomia cremonese

Itinerario: La gastronomia
La cucina cremonese sa sfruttare le molte risorse messe a ... >>>

Angolo_l_chiaroAngolo_r_chiaro

Territorio

Image_02

Un viaggio racchiude in sè una miriade di immagini di emozioni di odori e di sapori indimenticabili.

Angolo_l_chiaroAngolo_r_chiaro

Comunica con noi


tel. 0372 406391
Angolo_l_chiaroAngolo_r_chiaro
HTML 4.01 Strict Valido!   CSS Valido!   Logo attestante il superamento, ai sensi della Legge n. 4-2004, della verifica tecnica di accessibilita'.

Salva Cremasco DOP

Salva Cremasco
Tipologia: Prodotti tipici

SCHEDA TECNICA: Il Salva ha forma di un parallelepipedo con faccia piana quadrata variabile da 17 a 19 cm e scalzo dritto compreso fra 9 e 15 cm.Il peso medio per forma oscilla da 3 a 5 kg, anche se è prevista la produzione di forme di minori dimensioni. Anche per le forme più piccole, il tempo di stagionatura è di almeno 60 giorni. La crosta è liscia e di spessore sottile, a volte fiorita, spesso caratterizzata dalla presenza di microflora caratteristica.Non è ammesso alcun trattamento della crosta a esclusione delle normali spugnature con acqua e sale o eventualmente dell’uso di olio alimentare, vino ed erbe aromatiche. La pasta dotata di rara occhiatura ha consistenza compatta e friabile, più morbida nella parte immediatamente sotto la crosta. Il colore della pasta è bianco, tendente al paglierino con l’aumentare della stagionatura.

RIFERIMENTI STORICI: Le testimonianze che provano la storica presenza del Salva Cremasco nella tradizione cremasca sono numerose, benché questo formaggio sia prodotto anche in provincia di Bergamo e Brescia. La produzione risale al X secolo: nei resti di un piccolo villaggio protostorico rinvenuto a Montecchio di Vidolasco, sono stati rinvenuti numerosi recipienti forati a base piatta, a testimonianza di una intensa attività casearia. Tracce più recenti sono invece radicate nella memoria familiare dei produttori, ancor oggi impegnati nella tutela e nella commercializzazione di questo prodotto.concordanonell’attribuire l’origine semantica del nome "Salva" proprio alla sua funzione, cioè alla necessità di salvare le eccedenze di latte dei casari che nel periodo estivo (o in altri momenti di particolare eccedenza di latte) avevano la necessità di produrre formaggi stagionati oltre a quelli freschi, poiché quelli molli non avrebbero resistito al caldo.

ABBINAMENTI: Generalmente il Salva Cremasco viene servito come formaggio da tavola, ma può essere utilizzato anche per insaporire primi piatti o torte salate.

ZONA DI PRODUZIONE: La zona di produzione di Salva Cremasco comprende l’intero territorio delle province di: Bergamo, Brescia, Cremona, Lecco, Lodi e Milano


STRADE DEL GUSTO DI RIFERIMENTO: Strada del gusto cremonese nella terra di Stradivari e Strada del vino San Colombano e dei Sapori Lodigiani




Città: CREMA
Orario:

Listino prezzi:

Informazioni

Tipologia: Prodotti tipici
 
 
Città: CREMA
 
 

Mappa

Angolo_l_chiaroAngolo_r_chiaro