Home   >   Risorse turistiche
Data
Date
Date
Angolo_l_chiaro
Angolo_r_chiaro

Elementi correlati

Alloggio: la rotonda
Via Volta, 8/10 >>>

Alloggio: La Favorita
via Provinciale Bassa, 40 - Frazione Agoiolo >>>

Il Logo del Distretto della Musica

Alloggio: Palazzo Quaranta
Via Largo Vittoria, 12 >>>

Alloggio: Agriturismo Riviera Oglio
Via Maggiore, 6 - Frazione San Paolo >>>

Angolo_l_chiaroAngolo_r_chiaro

Territorio

Image_02

Un viaggio racchiude in sè una miriade di immagini di emozioni di odori e di sapori indimenticabili.

Angolo_l_chiaroAngolo_r_chiaro

Comunica con noi


tel. 0372 406391
Angolo_l_chiaroAngolo_r_chiaro
HTML 4.01 Strict Valido!   CSS Valido!   Logo attestante il superamento, ai sensi della Legge n. 4-2004, della verifica tecnica di accessibilita'.

Museo Archeologico Platina

PIADENA_MOSAICO_MINOTAURO
Tipologia: Museo archeologico

Museo Archeologico Platina - Comune di Piadena (Cr)

Il museo conserva  oltre 3.500 reperti in un percorso espositivo articolato in tre ambiti: preistorico, protostorico e storico. Oltre all’unico oggetto di età paleolitica rinvenuto su tutto il territorio cremonese e mantovano, rilevante è il nucleo di materiali di Età Neolitica provenienti dal sito Campo Ceresole e riconducibili al gruppo culturale del “Vho di Piadena”. Tra di essi riveste grande importanza la celebre statuetta femminile bicefala. Per l’Età del Bronzo il museo conserva numerosi reperti dei due grandi insediamenti delle zone Lagazzi e Castellaro; tra essi spicca la collana d’ambra di provenienza baltica e alcuni raffinati pendagli in
osso decorati. Alla fine dell’Età del Bronzo appartengono i materiali della nota necropoli di Fontanella Mantovana.
All’Età del Ferro risalgono rinvenimenti di epoca celtica, particolarmente degna di nota la tomba del guerriero da Campo Costiere. L’età romana è rappresentata innanzitutto dai materiali di Costa Sant’Andrea di Calvatone, corrispondente all’antica Bedriacum. Il famoso Mosaico del Labirinto e pregevoli altri reperti di uso comune e di artigianato locale sono prova della ricca e fervida vita dell’antico insediamento commerciale. Pochi ma preziosi sono i materiali altomedievali, sia di epoca gota che longobarda. Nell’ambito dei percorsi di visita, si propongono
principalmente due soluzioni: una, più completa, da svolgersi in due tempi, è la soluzione che consigliamo; consente un maggior approfondimento dei temi e dà più spazio alla attività didattica (compilazione di schede, disegno). L’altra,
meno approfondita, cerca di dare un quadro di insieme del percorso espositivo museale.
PERIODO CONSIGLIATO
Tutto l’anno scolastico
TARGET PREFERENZIALE DEI PERCORSI
- scuola materna
- scuola primaria
- scuola secondaria di I grado
LABORATORI DIDATTICI
- Simulazione di scavo archeologico: attraverso una grande cassa di legno e plexiglass in cui è stato ricostruito un esempio di stratigrafia; i ragazzi potranno operare uno scavo archeologico, aiutandosi con i vari strumenti del mestiere.
- La ceramica: come realizzare un vaso di ceramica ripercorrendone la storia dall’estrazione dell’argilla, ai metodi di lavorazione e, infine, alle varie tecniche di decorazione, secondo l’uso antico.
- La metallurgia: approfondimento del ciclo produttivo dei metalli dal reperimento delle materie prime alla realizzazione dei manufatti. I ragazzi assisteranno al processo di fusione e colatura in stampo eseguito, per motivi di sicurezza, dal personale specializzato.
- Il mosaico: come costruire con tante tessere colorate un mosaico secondo gli schemi decorativi degli antichi romani, apprendendo le loro tecniche e i loro segreti.
- Storie di oggetti: qual è il percorso di un reperto prima di essere collocato in vetrina e come si ordina una collezione.
- Come si disegnano i reperti: nell’era digitale, come e perché gli archeologi ancora utilizzano il disegno tecnico dei reperti.
- L’archeozoologo: gli alunni lavoreranno divisi in gruppi per arrivare alla determinazione anatomica e specifica di alcuni reperti faunistici provenienti da abitati palafitticoli. Come dei veri archeozoologi, si potranno aiutare con tavole scheletriche di confronto.
- Una nobile arte, la tessitura: partendo dalla conoscenza delle fibre vegetali e animali, i ragazzi potranno sperimentare il funzionamento di un telaio verticale e su telaietti individuali ricreare una pezza di tessuto alternando colori e motivi decorativi.
- Scrittura su cera: realizzazione di una breve dedica in lingua latina con stilo in legno e tavoletta cerata per imparare a scrivere come gli alunni dell’antica Roma.
- Percorso tattile: Si prega di toccare! Visita guidata multisensoriale alla collezione preistorica. Attraverso l’uso di riproduzioni i reperti del museo saranno presentati agli alunni utilizzando non solo la vista ma anche il tatto, l’udito, l’olfatto, … .  Completano l’approccio multisensoriale i laboratori:
-    Lascia il segno! Per i più piccoli proponiamo l’elaborazione di una propria traccia tattile ovvero una combinazione di segni da incidere, scavare, graffiare su supporti di varia natura.
-    Lavorazione dell’argilla per riprodurre un reperto dato a disposizione per la manipolazione tattile.



GUIDE SPECIALIZZATE
Tutte le attività didattiche sono condotte da due operatrici
specializzate nel settore (laureate con indirizzo archeologico)
con provata esperienza.
ALTRO
Lezioni di archeologia in classe sui seguenti temi: Che cos’è l’archeologia; La preistoria a Piadena: i primi passi dei nostri antenati in Pianura Padana; L’antica Bedriacum; Dalla roccia alla cera: storia della scrittura; Una vita a pelo d’acqua: strategie abitative nell’Età del Bronzo
- Visita guidata all’area de “I Lagazzi” in località Vho,
quale zona di interesse naturalistico/ambientale e sito
di interesse archeologico.
TARIFFE
- Archeologia in classe: € 30,00 per classe per istituti ubicati nel raggio di 30 km, maggiorazione di € 1/km per istituti ubicati oltre il raggio di 30 km
- Visite guidate: € 2,00 per studente (due accompagnatori
gratuiti, max. 30 bambini)
- Laboratori: € 3,00 per studente (due accompagnatori
gratuiti, max 30 bambini)
- Visita + laboratorio: € 4,00 per studente
le tariffe potrebbero subire modifiche; si consiglia pertanto di
consultare il sito www.museo-piadena.net
Possibilità di facilitazioni per pacchetti di più iniziative
ORARI:
Apertura museo dalle ore 8.30 alle ore 13.30 da lunedì a venerdì; domenica dalle 15:30 alle 18:30.
apertura attività didattica dalle ore 9.00 alle ore 13.00 da lunedì a venerdì.
Ogni seconda domenica del mese dalle ore 15.30 alle ore 17.30 il museo propone percorsi è attività per bambini e famiglie
CONTATTI
Referenti:
- Conservatore Archeologico Dott. Marco Baioni
- Resp. Attività Didattiche Dott.ssa Beatrice Dondi
- Operatrici didattiche Dott.ssa Manuela Amadasi e Dott.ssa Monia Pederneschi (Kleio Snc)

Piazza Garibaldi, 1 – 26034 Piadena (CR) Telefono: - info e prenotazioni: 0375/380131 (Museo) - info 0375/980312 (Biblioteca)


e-mail: info@museo-piadena.net
Web: www.museo-piadena.net
         www.kleio-percorsidistoria.it



A Febbraio 2014 è stata inaugurata la nuova sede espositiva del Museo Archeologico Platina; il trasferimento dei materiali ha riguardato per ora la collezione preistorica ma durante la stagione 2014-15 si procederà al trasferimento anche dei materiali dell’età del Ferro e di epoca Romana (per rivedere le fasi del trasloco e seguire lavori e news http://allestimentoincorso.wordpress.com/)


Indirizzo: 26034 PIADENA - Piazza Garibaldi, 3 - PIADENA
Telefono: 0375 380131
E-mail: info@museo-piadena.net
Sito: http://www.museo-piadena.net
Orario:

Apertura museo dalle ore 8.30 alle ore 13.30 da lunedì a venerdì
apertura attività didattica dalle ore 9.00 alle ore 13.00 da lunedì a venerdì.
Ogni seconda domenica del mese dalle ore 15.30 alle ore 17.30 il museo propone percorsi è attività per bambini e famiglie



Listino prezzi:

adulti: € 2,00

ragazzi: € 1,00


Informazioni

Tipologia: Museo archeologico
 
 
Indirizzo: 26034 PIADENA - Piazza Garibaldi, 3
Telefono: 0375 380131
Città: PIADENA
 

Mappa

Angolo_l_chiaroAngolo_r_chiaro